diritto di visita dei genitori separati

FIGLI, MANTENIMENTO, AIUTO DI STATO

“Il mio ex marito continua a non versare il mantenimento a nostro figlio. Mi trovo quindi in una grave situazione. Cosa posso fare per costringerlo a pagare?”.

È intanto essenziale procedere in sede civile per il recupero delle somme. Nell’ipotesi in cui suo marito dovesse risultare disoccupato o nullatenente, esiste un RIMEDIO RESIDUALE rappresentato dalla possibilità di accedere al “FONDO DI SOLIDARIETÀ a tutela del coniuge in stato di bisogno”, istituito con la Legge di stabilità 2016, e sperimentato già in alcuni Tribunali nel corso del 2017. In sostanza, il coniuge titolare dell’assegno di mantenimento, in caso di inadempimento dell’obbligato, può chiedere allo Stato l’ANTICIPAZIONE di quanto dovuto. Tecnicamente va presentata domanda al Presidente del Tribunale di competenza, ma solo in presenza dei REQUISITI NECESSARI che sono: 1) accessibilità al Fondo solo per coniugi separati che convivono con figli minori, o portatori di handicap ai sensi della L. 104/92; 2) non aver ricevuto l’assegno periodico a titolo di mantenimento per inadempienza del coniuge che vi era tenuto; 3) avere il proprio valore dell’indicatore ISEE in corso di validità inferiore o uguale a 3.000 euro; 4) avere tentato senza successo le procedure di recupero del credito nei confronti del coniuge inadempiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.