Lockdown e boom di divorzi… l’addio oggi si festeggia

Divorzi: la negoziazione assistita assicura tempi brevi?

In un anno +30%

La convivenza forzata in famiglia imposta dalle restrizioni dovute alla crisi sanitaria, ha esasperato situazioni di disagio più o meno latenti portando ad una inevitabile ondata di divorzi

Si stima che arriveremo al primo “anniversario” del lockdown, il prossimo marzo, con un aumento del 30%.

Un vero boom che segue, tuttavia, un trend già significativo se si pensa che in Italia, secondo l’Istat, all’inizio degli anni 90 i divorziati erano circa 375 mila, nel 2018 più di 1,6 milioni.

Va detto che questa accelerazione, soprattutto nel caso di accordi consensuali e per coppie senza figli, è agevolata anche dalle innovazioni procedurali introdotte negli ultimi anni.

Divorzio: la negoziazione assistita assicura tempi brevi?

Esattamente! Attraverso la negoziazione assistita ci si può separare o divorziare senza presentarsi innanzi al giudice in un tempo record di 30 giorni.

Ci si lascia così alle spalle una fase molto spiacevole e si tenta di pianificare una nuova vita… 

Festa di divorzio

…Addirittura in questa pianificazione ora si affaccia anche una nuova mentalità per esorcizzare ciò che è sempre stato considerato un proprio fallimento personale: non ci si affligge, ma si festeggia per la ripartenza.

In fin dei conti, si tratta di celebrare una scelta per porre fine a qualcosa che non funzionava.

A parlarne per prima già nel 2006, ricostruendo esperienze in giro per il mondo, Christine Gallagher con un vero e proprio manuale per una efficace organizzazione dei “party di divorzio”. 

Base ideale il concetto che “non è un modo per gioire di qualcosa che va in frantumi, piuttosto un’occasione per sottolineare l’importanza di aver rimediato ad una situazione infelice

Leggi anche Coronavirus: diritto di visita dei genitori separati resiste anche nell’Italia a colori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.