Tariffari avvocati: Equo compenso

Sì a tariffe minime per bloccare guerre dei prezzi al ribasso e servizi scadenti.
Equo compenso, competenza e dignità professionale.

Con l’abolizione dei minimi tariffari, le categorie professionali – noi avvocati compresi – sono sprofondate in una giungla per effetto di una guerra al ribasso quasi sempre svincolata dalla qualità delle prestazioni.

A primo impatto può sembrarti un vantaggio, ma scopriamo cosa nasconde l’altro lato della medaglia…
Devi infatti sapere che dietro un’offerta legale “economica”, spacciata come conquista di libertà e concorrenzialità, si nasconde frequentemente un mondo fatto di improvvisazione ed incompetenza (l’aggiornamento professionale infatti costa e può essere sostenuto solo da chi ha denaro da investire a tal fine) che è totalmente svincolato da quei requisiti minimi di professionalità e competenza tipici delle libere professioni.

A chi finirà in mano il tuo caso? Spesso a persone che non avrebbero neanche i titoli professionali nè le competenze minime per prendersi carico di questa responsabilità.
Fai attenzione, a pagare le conseguenze dell’eventuale incompetenza del legale sei tu stesso.

Come avrai compreso la concorrenza tra avvocati non può essere un fatto esclusivamente economico ma la dimostrazione concreta della propria capacità al servizio del cliente.

Occhio a chi svende la professionalità!!!

È questo il senso di una recente marcia di protesta tenutasi a Roma da una serie di categorie professionali (architetti, ingegneri, avvocati, medici, notai, veterinari, dentisti, ecc.) per chiedere l’introduzione di un equo compenso per le prestazioni dei lavoratori autonomi (l’abolizione delle tariffe minime risale al 2006).

In una realtà occupazionale ancora troppo debole, anche su questo versante, una corsa sfrenata al contenimento dei prezzi ha innescato di fatto uno svilimento dei servizi professionali.

Rispetto a tale situazione la soluzione sta nella formula dell’equo compenso per le prestazioni, ovvero il rispetto dei principi di libera concorrenza a parità di trattamento.

Ai clienti va garantita capacità nel rispetto della dignità professionale.

Chiaramente nel 2017 è comprensibile una normalizzazione del mercato legale, tuttavia stiamo assistendo a delle vere e proprie aberrazioni che procurano danni economici gravissimi ai malcapitati clienti.

Segui il mio ragionamento: se stai contattando un legale è perchè hai un problema legale da risolvere giusto?
Ok. Decidi di risolverlo con un’agenzia che fa prezzi outlet. Ecco considera che la maggior parte delle volte, il problema legale si complica ulteriormente perché gestito in modo non professionale. Quindi dopo devi anche ripagare un altro avvocato per rimediare ai danni fatto dal primo legale.
Posso darti un consiglio? Se il tuo problema è una questione importante non rischiare.

E un’altra cosa. Cerca in Internet se il problema che vuoi risolvere può avere delle ripercussioni legali più gravi e insospettabili.
Perché spesso da una sciocchezza, che si potrebbe risolvere facilmente con poche azioni efficaci, si rischia di impantanarsi in cause eterne, in Italia specialmente.

Fammi sapere cosa ne pensi  sul “listino avvocati” e se hai delle domande specifiche da sottopormi, ti risponderò nel prossimo articolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.